23 Giugno 2024
Scopri la città

Loano tappa dei tour di “Lorenzini Scultore della Terra”, la mostra dedicata al maestro savonese della scultura

Interesserà anche Loano “Lorenzini Scultore della Terra. Da Savona al mondo”, la mostra pubblica dedicata al maestro savonese e allestita al Museo della Ceramica di Savona fino al 23 febbraio 2023. La mostra è realizzata dalla Fondazione Museo della Ceramica di Savona con il supporto della Fondazione De Mari, la compartecipazione della Camera di Commercio Riviere di Liguria e il patrocinio del Comune di Savona e del Comune di Loano.

Le figure mitologiche e misteriose create da Sandro Lorenzini hanno scelto i suggestivi spazi del Museo della Ceramica di Savona per manifestarsi, in un allestimento che si inserisce con armonia e rispetto nelle maestose architetture del palazzo dell’antico Monte di Pietà. Ventidue sculture inedite, luccicanti di smalti e metalli preziosi, forgiate nei forni dello Studio Ernan Design di Albisola, daranno l’avvio a una mostra progettata sia per esporre le ultime creazioni ma anche una selezione di opere storiche, dell’artista nato a Savona nel 1948 e cresciuto nel costante confronto con i maestri contemporanei italiani, americani e giapponesi.

Realizzate durante i primi mesi di pandemia, quando il mondo che conoscevamo (insieme a tutte le nostre certezze) iniziava a vacillare, queste sculture in ceramica hanno incarnato per Lorenzini una possibile risposta alla ciclica crisi dell’uomo: l’intervento e il ritorno di antiche divinità, con i loro vezzi, i loro capricci e le loro provocazioni.

Con una lunga esperienza maturata nei più importanti e prestigiosi centri di produzione artistica ceramica del mondo (da Albisola a Faenza, dalla Baia di San Francisco alla Cina e al Giappone), Lorenzini vanta importanti riconoscimenti internazionali. Questa mostra è infatti anche un omaggio tributato alla carriera dell’artista dalla sua città natale, Savona, dove la ceramica fa parte della storia e dell’identità del luogo.

Un’ampia sezione antologica presenterà al pubblico le più importanti tappe del percorso artistico di Lorenzini, attraverso delicate sculture sospese e grandi statue forgiate in gres e cotte ad alta temperatura.

Il progetto espositivo è a cura di Luca Bochicchio e Daniele Panucci, la mediazione e l’allestimento sono a cura dello staff del Museo della Ceramica con la collaborazione con gaggeroservente. I programmi educativi e didattici sono a cura di Alessio Cotena e Marco Isaia.

Spazio espositivo e iniziative collaterali

Le sculture del maestro savonese invaderanno gli spazi del museo, dialogando con le opere delle collezioni permanenti di proprietà del Comune di Savona, della Fondazione Agostino De Mari e della Fondazione Museo della Ceramica.

La mostra è organizzata per sezioni, che presentano altrettante serie di lavori raggruppate per cronologie, tematiche, tecniche o fonti di ispirazione. Al primo piano il visitatore potrà trovare una sezione dedicata alle esperienze giapponesi, con alcuni vasi realizzati nel 2007 a Shigaraki e finissime composizioni sospese prodotte nei forni di Seto nel 2002. Allo stesso piano saranno esposte ceramiche realizzate a cavallo tra gli anni Settanta e Ottanta e ispirate alla produzione popolare savonese (terraglia gialla), così come piccole composizioni in grès dall’ispirazione e dall’impianto teatrale, lavori che risentono della formazione da scenografo dell’artista. Al secondo piano sono allestite imponenti sculture sospese, in dialogo con l’opera di casa, la “Clessidra” (1996), esposta alla mostra “La Casa del Re” presso la Reggia di Caserta e alla 54° Biennale di Venezia. Le sculture prodotte durante la pandemia sono invece poste in dialogo con la preziosa collezione donata dal Principe Boncompagni Ludovisi al Comune di Savona: le creature mitologiche e fantastiche, decorate con smalti luccicanti e metalli preziosi, costituiscono una vera e propria parata degli dei. Al tema mitologico, caro all’artista sin dagli albori della sua carriera, è dedicata un’installazione nella sala della Farmacia Cavanna di Genova; tre inedite divinità pagane, nate dal genio di Lorenzini durante il lockdown, sono invece poste in dialogo con i vasi dell’Antica Farmacia del San Paolo. Al quarto piano sono ospitate una trentina di sculture, prodotte negli Stati Uniti negli anni ‘80, per la grande mostra di Faenza del 1999 e nel 2012 presso la Fornace Pagliero di Castellamonte. Completano la sala composizioni sospese, lavori grafici e alcune opere iconiche e spettacolari di grandi dimensioni.

Il Piano Zero del Museo, dove ha sede il rinomato ristorante Bino, dello chef stellato Ricchebono, parteciperà all’evento espositivo includendo una sezione speciale di lavori grafici di Lorenzini alle pareti, ma soprattutto degli originali monotipi in ceramica che giocano con l’idea di design e offrono una suggestiva illuminazione a candela ai tavoli del ristorante. Va inoltre sottolineato come il piano Zero sia anche la casa dell’altorilievo di Agenore Fabbri “La nascita della ceramica” (1958), opera magistrale un tempo esposta all’esterno della ditta Ilsa di Carcare, restaurata e mediata proprio da Lorenzini fino all’acquisizione da parte del Museo della Ceramica di Savona e quindi al suo attuale collocamento.
Il visitatore potrà così compiere un viaggio nel mondo di figure creato da Lorenzini, un universo poetico ed espressivo in cui trovano spazio il mito e la religione, l’alchimia e la letteratura, il teatro e la natura, ma soprattutto angeli e demoni, creature affascinanti e imperscrutabili nate dalla fantasia di un artista intellettuale cui la città di Savona deve molto.

La mostra sarà arricchita da un ricco public program, con attività didattiche e momenti di approfondimento: tra gli appuntamenti da non perdere, si segnalano i tour sul territorio provinciale per scoprire i lavori del maestro conservati in collezioni pubbliche e private, che condurranno i partecipanti ad Albissola Marina, a Loano (dove, dal 2007, è installata La Fontana delle ore) e alla scoperta delle vetrate artistiche per le chiese di Vado Ligure e Savona. Gli itinerari coinvolgeranno anche il municipio di Savona, che conserva il vaso realizzato da Lorenzini nel 2008 per il Confuoco, la Cassa di Risparmio di Savona, dove si trova il Prometeo commissionatogli nel 1989, e il Palazzo di Giustizia che ospita permanentemente l’installazione Conflittualità (1998).

Sul sito del Museo della Ceramica sarà pubblicato il calendario completo del public program, che avrà il suo apice nella presentazione del catalogo della mostra: volume bilingue, pubblicato da Electa, con testi critici di Luca Bochicchio e Daniele Panucci (curatori della mostra), di Irene Biolchini e Riccardo Zuffo, con fotografie di Jorge Felix Diaz Urquiza.

www.pieffesitiweb.it
invia a un amico
icona per chiudere
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
(Testo completo) obbligatorio
generic image refresh

cookie